linguaggio

Imitare…ecco come i bimbi imparano a parlare

L’imitazione é la capacità che un bambino ha nel copiare quello che ciò che le altre persone fanno e dicono. Questo processo “guarda e fai” è il modo in cui tutti noi impariamo qualcosa. Facciamo attenzione mentre qualcun altro fa qualcosa e poi lo proviamo anche noi ed anche lo sviluppo del linguaggio avviene cosi.

Sebbene molte persone si concentrano sulla capacità del bambino di imitare le parole, il processo di imitazione non inizia a questo livello. L’imitazione inizia molto presto, anche nell’infanzia. I neonati possono imitare le espressioni facciali. I bambini nei primi sei mesi di vita imparano ad imitare con gli oggetti. Da 9 a 12 mesi, i bambini imparano a usare giocattoli semplici, riempire scatole vuote con piccoli oggetti, Imitazione significa che un bambino copia ciò che vede e ascolta le altre persone che fanno e dicono.

Poco prima del primo compleanno, il bambino inizia a copiare gesti mentre batte le mani o alza le braccia durante il gioco. Iniziano ad imitare anche le azioni degli adulti durante la routine quotidiana. Ad esempio, molti piccoli amano aiutare quando si fanno le faccende in casa o si passa l’aspirapolvere. Quando vedono tagliare l’erba,  alcuni bimbi spingono  un giocattolo proprio come se stessero tagliando l’erba.

Quasi nello stesso periodo, i bambini iniziano a provare a copiare anche le parole.

Di conseguenza l’imitazione è un processo graduale che è una componente fondamentale dell’apprendimento a parlare. Quando un bambino non impara a imitare le azioni, non sarà pronto per lo sviluppo di imitare suoni e parole.

L’imitazione è così importante che gli studi dicono che le capacità di imitazione di un bimbo a 18 mesi può prevedere lo sviluppo linguistico a 36 mesi.

L’imitazione mirata dovrebbe essere la priorità per ogni bambino che tarda a parlare.

Concentratevi sull’ imitazione.

D.ssa Anna Biavati

Logopedista Pediatrica specializzata in ritardi del linguaggio, fonologia, mutismo selettivo e bilinguismo

© Copyright 2018 Insegnami a parlare

Lascia un tuo commento