5 consigli per aumentare le paroline con le preposizioni

Hai bisogno di idee per aumentare le paroline? Prova le preposizioni! Ma cosa intendo per preposizione? Le preposizioni sono parole di posizione. Tra 12 e 24 mesi i bambini imparano a capire alcune preposizioni tra cui DENTRO, FUORI, SOPRA, SOTTO, SU, GIÙ, QUI e LÌ . Ovviamente prima di iniziare a lavorarci bisogna assicurarci cheLeggi altro ⟶

Espandiamo il vocabolario: Insegniamo le preposizioni

Non si finisce mai di imparare e di insegnare ai bambino nuove parole durante la giornata, pensiamo che ci vuole sempre tanta terapia, MA voi siete come i miei piccoli folletti che come genitori, educatori e nonni fate e ripetete quello che suggerisco sia durante le terapie che nei miei video. VOLETE ESPANDERE IL VOCABOLARIO:Leggi altro ⟶

I suoni onomatopeici sono fondamentali

Quasi ogni giorno ricevo un messaggio od una mail da genitori e terapeuti che mi dicono:  “Da dove comincio con un bambino che riesce solo a fare i suoni degli animali?” MA è proprio da lì che si inizia !! Conosco una signora che ha un bambino con ritardo del linguaggio grave e nel sulLeggi altro ⟶

LINGUAGGIO: il fratello di 8 anni aiuta il più piccolo a parlare

Oggi racconterò la storia di una mamma di un bimbo di 28 mesi  che non ha una diagnosi precisa, ma a cui in modo generico è stato riscontrato un ritardo del linguaggio e del comportamento. Mi ha colpito la sua storia perché lei ha coinvolto anche il suo bambino più grande nella stimolazione delle paroline eLeggi altro ⟶

Primi giochi per i bimbi che faticano a parlare

Quando un parlatore tardivo non presta costantemente attenzione alle persone, sappiamo che non è ancora pronto ad imparare a parlare. Spesso i genitori mi chiedono: Allora da dove incominciamo? Il PRIMO PASSO è quello di iniziare con i giochi facili. Aiutare un bambino a imparare a giocare CON un adulto è un enorme primo passoLeggi altro ⟶

Ansia nei bambini: come aiutarli

L’ansia è una caratteristica costante nei bambini con il mutismo selettivo. Anche se non appaino tali ma lo sono dentro. L’ansia è una normale risposta a qualcosa di pericoloso o stressante. Diventa un problema quando si presenta in momenti inaspettati e prende una presa particolarmente salda. Quando l’ansia è in pieno svolgimento, sembra terribile. AbbastanzaLeggi altro ⟶

L’ANSIA HA TANTI VOLTI: QUARTA PARTE

Continuiamo il nostro viaggio per capire le ansie che sono il fulcro dei ragazzi con il MUTISMO SELETTIVO, ma la loro ansia ha varie sfaccettature. Non riesco a dormire Un cervello ansioso può darsi da fare in qualsiasi momento, ma il momento preferito per giocare è quando non c’è molto altro da fare. Al momentoLeggi altro ⟶

“Come introdurre i segni”

Ecco la seconda parte dell’articolo per insegnare al proprio bambino il linguaggio dei segni.   Bisogna sempre dire la parola che stai gesticolando. Il bambino deve associare la parola, il segno e l’oggetto / evento / immagine che stai etichettando come uno nella stessa. Non dimenticare di continuare a chiedere la parola, anche se nonLeggi altro ⟶

Come il linguaggio dei segni aiuta le capacità comunicative.

Usare il linguaggio dei segni per aiutare i bambini a imparare a comunicare è il modo più semplice e veloce che conosca per ridurre la frustrazione in tutta la famiglia. Che cos’è il Baby Sign? L’apprendimento dei segni significa incorporare alcuni gesti chiave nelle routine quotidiane. I bambini poi imparano a usare gli stessi gestiLeggi altro ⟶