linguaggio, tecniche

Come il linguaggio dei segni aiuta le capacità comunicative.

Usare il linguaggio dei segni per aiutare i bambini a imparare a comunicare è il modo più semplice e veloce che conosca per ridurre la frustrazione in tutta la famiglia.

Che cos’è il Baby Sign?

L’apprendimento dei segni significa incorporare alcuni gesti chiave nelle routine quotidiane.

I bambini poi imparano a usare gli stessi gesti chiave per “parlare” con l’adulto. Questo processo diventa comunicativo e migliora la normale connessione genitore-figlio. Il “Baby Signs, è un sistema di segni modificati introdotti da Linda Acredolo e Susan Goodwyn”. Questi segni sono stati progettati per corrispondere strettamente ai gesti naturali delle parole. Nella mia pratica insegno e uso entrambi.

Image result for child signing

 

Benefici

I ricercatori, in particolare quelli del National Institutes of Health, hanno condotto studi che hanno rivelato i seguenti vantaggi dell’uso di segni con neonati e bambini piccoli:

  1. L’uso dei segni riduce la frustrazione. Il segno dà al bambino un modo simbolico di comunicare prima che sia in grado di parlare. Questo riduce lo stress per tutti perché (finalmente!) C’è un modo per lui per farvi sapere di cosa ha bisogno oltre a piangere, indicare e grugnire.
  2. Il segno può rendere l’apprendimento della conversazione più facile (e talvolta più veloce) per i bambini. Quando i bambini sono esposti ai segni, sperimentano la “parola” in modo multisensoriale. Sentono la parola mentre la dici, la vedono mentre fai il segno, la sentono mentre fanno i segni, e infine la dicono. C’è anche una buona prova che produrre un movimento motorio accompagnatorio rende più facile produrre la parola.
  3. Il segno stimola lo sviluppo intellettuale e la crescita emotiva. La ricerca ha dimostrato che entrando all’asilo, i bambini che usavano i segni avevano punteggi linguistici più alti, usavano giochi più sofisticati e avevano una media IQ di 12 punti più alta all’età di 8 anni. Questi studi sono stati eseguiti su bambini che sono stati descritti come in via di sviluppo. book Baby Signs, gli autori di Acredolo e Goodwyn, “Signing ti permette di vedere quanto è intelligente il tuo bambino.” Questo è vero per i bambini che non stanno ancora parlando. Molte persone credono che non siano intelligenti, e spesso non è così. Dal punto di vista emotivo, il segno dà ai bambini un atteggiamento del “POSSO FARLO”.
  4. Il segno dà ai bambini il potere di controllare ciò che accade nelle loro vite, e la loro autostima e la loro sicurezza aumentano. Questo è così importante per i parlatori tardivi. Si può vedere l’orgoglio delle loro facce quando finalmente si rendono conto: “Posso far capire alla mamma quello di cui ho bisogno!”

Ma il segno impedirà al mio bambino di imparare a parlare?

Assolutamente no

In realtà è il contrario! Come sopra citato, ci sono molte ragioni, supportate da ricerche, che dimostrano che i segni non impediscono al bambino di parlare.

Alcuni genitori temono che i segni rendano un bambino “pigro” nell’usare le parole. Questo è assolutamente falso !!! Quando i bambini possono parlare, parlano.

Non usare i segni perché si ha paura che il bambino preferisca usare i segni invece delle parole è pazzesco come dire di no far gattonare il bambino perchè poi non camminerà. Fare i gesti è un’estensione dell’uso dei gesti per comunicare. Finché continui a enfatizzare la parola pronunciata mentre si fanno i gesti, il tuo bambino assocerà la parola al segno e lascerà cadere il segno quando lui o lei possono dire coerentemente la parola.

 

Come iniziare

Ci sono molti programmi disponibili per insegnare al bambino a fare i segni.

  • Baby Signs, un libro di Acredolo e Goodwyn.
  • Sign with Your Baby del Dr. Joseph Garcia.
  • Signing Times è una serie di video che bambini e genitori possono guardare insieme e imparare i segni.
  • “Early Sign Sign Language Vocabulary”
  • Sign along

Io vi dico di valutare tutto prima di comprare mille libri. Ci sarà un evento live su facebook dove si parlerà di Baby Sign Italia.

Non ci sono molte abilità speciali che il tuo bambino deve avere padroneggiato prima di introdurre i segni. Se il tuo bambino si agita, batte le mani, indica o scuote la testa per dire di no, allora sta già utilizzando le capacità motorie di cui ha bisogno per fare i segni, e ha già imparato il concetto di gesticolare per far accadere le cose nel suo mondo.

Il tuo bambino ti sta portando delle cose perché entrambi guardiate insieme? Allora il tuo bambino comprende già i concetti di comunicazione iniziale e di attenzione congiunta. Ho insegnato i segni ai bambini che non stavano ancora usando questo tipo di gesti, ma lo rende molto più facile se lo sono.

Related image

La cosa più importante da fare con la firma è renderlo DIVERTENTE! Nel libro di Acredolo e Goodwyn, le autrici sottolineano: “Insegnare i segni è comeun gioco e non un lavoro di routine”. Raccomandano che i segni vengano elaborati nella giornata e non praticati durante le “lezioni di segni” strutturate e messe a riposo.

I genitori di solito fanno meglio quando associano l’utilizzo di segni con particolari routine quotidiane, come a merenda, il bagno e, soprattutto, durante il gioco.

I segni dovrebbero sempre essere fatti nel contesto. Ad esempio, non insegnare al bambino il segno per la banana a meno che tu non ne abbia una e sia pronto a mangiarlo! Una volta che il tuo bambino sa fari segni non renderlo un “pagliaccio”.

Related image

Molti genitori lo fanno con segni (e parole!) per nonni e amici. Fanno esibire i loro figli facendo i segni o pronunciando parole quando l’oggetto / evento non è lì. Questo confonde i bambini specialmente i parlatori tardivi.

Chiedere di mostrare alla Nonna il segno di “ancora” quando non c’è niente da chiedere, e sta pensando: “ancora cosa?” O peggio, inizia a fare il segno di ANCORA e tu non gli dai nulla in cambio!

Durante le sedute di terapia le madri cercano sempre di far ripetere ai loro figli una nuova parola che potrebbero aver detto prima durante il giorno o la settimana durante un evento specifico. Molto spesso il bambino non ripete la parola, con grande disappunto del genitore. La ragione di questo è che per il bambino non ha senso . Resisti alla tentazione e “mantienila reale”. Se vuoi che mostri la sua nuova abilità, imposta una situazione reale e poi fagli usare il segno.

Nel prossimo articolo “Come introdurre i segni” vi parlerò dei passi da fare.

D.ssa Anna Biavati

Logopedista Pediatrica specializzata in ritardi del linguaggio, fonologia, mutismo selettivo e bilinguismo

© Copyright 2018 Insegnami a parlare

Lascia un tuo commento