mutismo selettivo

L’ANSIA HA TANTI VOLTI: SECONDA PARTE

Continuiamo il nostro viaggio nel capire l’ansia ed i suoi vari aspetti. Potete trovare la prima parte dell’articolo su questo link.

Non ho fame

Image result for i am not hungry
Quando la digestione si spegne per risparmiare energia per la combattere l’ansia o scappare, la necessità di mangiare si spegne insieme a essa. Questo è solo temporaneo e si riattiva quando l’ansia si attenua. (A meno che tu non stia offrendo qualcosa che faccia ribaltare le loro papille gustative con disgusto, sai, come se qualcosa fosse servito sul piatto giallo invece che su quello blu.)

Mi fa male la pancia

Image result for child with a sore tummy
L’ansia può colpire duramente la pancia. Con qualsiasi dolore, è sempre importante assicurarsi che non ci sia nient’altro che porta a tali sintomi, ma quando il dolore addominale non ha altre spiegazioni fisiche, è possibile che l’ansia sia il colpevole.

Un indizio è il tempismo (cioè succede prima o durante qualcosa che potrebbe scatenare l’ansia) e la presenza di altri sintomi di ansia (cuore che batte forte, nausea, muscoli tesi, pelle umida, guance arrossate ecc.). Il cervello e l’intestino sono connessi.

Ciò che accade nel cervello può influenzare l’intestino e viceversa. L’ansia può inviare segnali direttamente dal cervello all’intestino, causando problemi di pancia.

L’ansia può anche influenzare il tratto gastrointestinale per muoversi e contrarsi in modi che causano dolore. Il dolore alla pancia senza alcuna causa fisica identificabile è così comune che ha un nome – dolore addominale funzionale. Il dolore è molto reale e può essere piuttosto grave. Di solito è intorno all’ombelico, ma non sempre. Il dolore della pancia causato dall’ansia viene affrontato meglio se continuiamo la nostra giornata come al solito, e non evitando ciò che potrebbe scatenare l’ansia.

Il cervello impara dall’esperienza, quindi evitare renderà più probabile che la prossima volta il bambino cercherà di evitare quella situazione.

Allo stesso modo, un comportamento coraggioso renderà più probabile una risposta coraggiosa. EVITARE insegna al cervello che l’unico modo per stare al sicuro è quello di evitare. Questo può ridurre il loro mondo e portare a problemi più grandi, in particolare quando l’ansia è causata dall’andare a scuola o alla separazione da un genitore.

D.ssa Anna Biavati

Logopedista Pediatrica specializzata in ritardi del linguaggio, fonologia, mutismo selettivo e bilinguismo

© Copyright 2018 Insegnami a parlare

Lascia un tuo commento