articolazione e suoni, Gioca con me, linguaggio

GIOCA CON ME: DIFFICOLTÀ PRONUNCIA SUONI DOLCI CI e GI (articolo n°3)

Riprendiamo il nostro lavoro dopo l’estate e la nostra reporter mamma Clarissa Staffieri ci presenta con un nuovo blog interessantissimo sulla sua esperienza con la difficoltà SUI SUONI.

speaking.jpg
Ci dice: “La mia bimba di 3 anni e 5 mesi fa fatica con i suoni C e G, ma quelli dolci di Giulia, gelato, cioccolato, adesso li sostituisce con la S interdentale e cioè con la lingua tra i denti” (il cosidetto sigmatismo, ecco un video dove lo spiego, ed altri consigli di come aiutare i bambini).

Come dice le parole?

Le parole non sono sempre chiare:

  • CIOccolato diventava COcciolato e adesso SOccolato
  • LegGI diventava legGHI ed ora lesSI
  • GIallo diventava GAllo ed ora è SAllo
  • GIochiamo diventava GOchiamo ed ora è SOchiamo.
  • BraCCIO diventa e rimane baCCO

Ora vi spiego che cosa sta succedendo: I bambini tendono a sostituire i suoni e troverete un articolo molto interessante della Dssa Eleonora La Monica  “il tuo bambino pronuncia male i suoni?” dove spiega perfettamente cosa succede nei vari processi di sostituzione fonologica.

Nel caso della bimba di Clarissa inizialmente tendeva ad usare un suono duro (CA, CHE, CHI, CO, CU) invece di un suono dolce (CI, CIE, C’E’, CIO, CIA), e quindi invece di avere la lingua in posizione di farfalla, e le labbra protratte in avanti, tendeva ad avere la lingua al centro e muovendola all’indietro, con le labbra aperte.

Con il tempo ha spostato questa sostituzione davanti, ed ora al posto di un suono dolce (il suono affricato CI o GI) ad un suono lungo, un fricativo dentale la ESSE, rendendolo più dolce e lungo, ma ancora non accurato, ma decisamente più vicino al suoni CI.

Braccio o bacco?

BracCIO che è DA SEMPRE: BacCO…. ed è una parola che dice spesso, ed allora ne ho approfittato perché ho avuto una occasione golosa… anzi più d’una!

Osservo: Lei prende tutte le creme dal mobiletto e le posiziona sul comodino, le sta mettendo in fila.. ed ecco che iniziamo il nostro gioco

  • -Ehi che ne dici se facciamo una famiglia?
    -Yeah, siii
    – Corro a prendere 4 elastiCI e torno.
    – Ecco, mancavano le bracCIA, così sono perfetti!
    – La mamma può prendere in bracCIO i suoi piccolini
    -Mamma abbracCIAmi, mamma voglio venire in bracCIO
    -Aspetta diamo un baCIO a papà che è tornato dal lavoro…
    CIao papà!
    -E lei chi è? la zia? 
    -No, la sorella magGIore!
    -E lui è maschio o femmina?
    -É maschio vedi, è grande, è il pilota!
    -Allora prendiamo delle mollettine per distinguere le femmine dai maschi, e cosa fa ogGI questo pilota?
    -Guida l’aereo!
    -Mi porti in spiagGIA?
    -Siii, tutti a bordo, facciamo un GIretto, si parte ma allacCIamo le cinture, tutti i bimbi in bracCIo alle mamme!
    -buona GIta!
    wrooommmm

Questo è un esempio meraviglioso del POTERE DELLA RIPETIZIONE e troverete un video cliccando questo link. E’ cosi importante ripeter in continuazione in un contesto giusto, proprio per dare al bambino il modello giusto.

A seconda dell’età e delle competenze, si può giocare in mille modi:

  • ampliare il vocabolario con tante paroline nuove: noi abbiamo decollato e atterrato mille volte!
  • Si possono distinguere i colori.
  • Si possono unire le famiglie per colore, la mia ha messo i toni dell’azzurro tutti insieme, anche dove c’era solo un puntino…
  • Si può contare, fare turnazione (chi sale prima? chi scende per ultimo? tocca a te? a me! aspetta!)
  • giocare con i rapporti di parentela
  • con gli opposti grande/piccolo, alto/basso
  • con i generi M/F
  • mezzi di trasporto e onomatopee.
  • Quando modula la voce e fa il vocione del papà è uno spasso!

Con lo stesso spirito ho indirizzato il gioco verso la bigiotteria, abbiamo indossato coroncine e collane a gogò ma sopratutto infilato/sfilato bracCIaletti di tutti i colori, materiali e dimensioni, di gomma a spirale, di pietre multicolori, perle monocolore, di ferro..

Poi lei è voluta passare a giocare col Dido’, benissimo!
Abbiamo impastato, tagliato, ma sopratutto cuCInato buon CIbo, in primis ovviamente dolCIni, CIambelle e CIOCCOLATO 😉

1111.jpg

Coraggio, vi strizzo l’occhio: Buona ripetizione a tutti!

Questo è stato un momento incredibile proprio per rinforzare il modello giusto della produzione dei suoni attraverso il gioco.

Unitevi al nostro gruppo: INSEGNAMI A PARLARE

Per altre altre idee sull’uso dei giochi troverai molto utile il mio videocorso completo sui prerequisiti del linguaggio

D.ssa Anna Biavati (Logopedista Pediatrica specializzata in ritardi del linguaggio, fonologia, mutismo selettivo e bilinguismo)

Clarissa Staffieri (amministratrice di Insegnami a parlare)

© Copyright 2019 Insegnami a parlare

#logopedia 

#giochiconme

#insegnamiaparlare

Lascia un tuo commento