Senza categoria

L’ANSIA HA TANTI VOLTI: TERZA PARTE

Non voglio andare a scuola

L’ansia non è sempre razionale, ma perché proviene da una parte del cervello che ha un effetto sull’istinto.

Durante la lotta o lo scappare via, la parte razionale del cervello del pensiero si spegne abbastanza da non interrompere la lotta o la risposta allo scappare via.

Se il cervello del tuo bambino/ragazzo pensa che deve sopravvivere, non vuole perdere del tempo prezioso nel pensare a quali siano le opzioni – vuole solo metterlo al sicuro.

Questo è il motivo per cui il rifiuto della scuola può accadere anche quando sembra che non ci siano altri problemi con la scuola, gli amici o gli insegnanti.

Image result for i don't want to go to school

Quando l’ansia si accende, nient’altro avrà importanza e tutto ciò di cui il bambino sarà consapevole è che la scuola sembra una grande dose di problemi, anche se non possono spiegare il perché.

Dare loro le informazioni su come funziona l’ansia li aiuterà a sentirsi abbastanza al sicuro da essere abbastanza coraggiosi.

Ancora una volta, è davvero importante non lasciare che l’ansia porti ad EVITARE. È molto sensato evitare i luoghi dove non si sentono sicuri, ma come adulti nella loro vita abbiamo bisogno di credere che possano farcela, anche quando tutto in noi vuole sollevarli e allontanarli da qualunque cosa stia innescando la loro ansia.

Più sono esposti a comportamenti coraggiosi (e fare cose che alimentano l’ansia è sempre coraggioso) più impareranno che possono essere coraggiosi quando ne hanno bisogno.

‘Mi sento molto triste e non so perché.’ 

Ancora una volta, la stessa parte del cervello che è responsabile dell’ansia – l’amigdala – controlla anche le grandi emozioni.

Quando l’ansia è alta, può esserlo anche la tristezza. Non è necessario che sia successo qualcosa di triste.

Durante l’ansia, le lacrime sono un segno di un cervello in allerta.

Sii solo una presenza forte, costante, amorevole e sappi che la tristezza passerà quando l’ansia lo farà.

Image result for tearsLascia che le lacrime arrivino se necessario, e quando le cose si calmano, spiega come possono accadere insieme tristezza e ansia.

La ricerca ha scoperto che il pianto può essere di guarigione quando le persone hanno un sostegno emotivo e se le loro lacrime hanno portato a una nuova saggezza su qualunque cosa li abbia costretti a piangere in primo luogo.

 

‘Ma cosa succede se ……….

L’ansia è il segno di un cervello che viene trascinato nel futuro.

I SE sono un tentativo di un cervello ansioso di rimanere al sicuro cercando chiarezza in tutto.

Aiuta tuo figlio/a a trovare la loro “impalcatura” tra i loro pensieri ansiosi e una risposta coraggiosa chiedendo loro cosa pensano che accadrà.

Questo attiverà la corteccia pre-frontale, che è la parte del cervello più razionale, considerata e capace di calmare le grandi emozioni.

Durante l’ansia, l’attività nella corteccia pre-frontale diminuisce, rendendo più difficile l’influenza dell’amigdala istintiva ed emotiva.

Potrebbe essere necessario sollecitarli chiedendo loro di riflettere su ciò che è accaduto in situazioni simili in passato – o non è mai accaduto prima, o se lo è stato, l’hanno superato.

Se siete su facebook iscrivetevi al gruppo Mutismo selettivo passi verso la comunicazione.

D.ssa Anna Biavati

Logopedista Pediatrica specializzata in ritardi del linguaggio, fonologia, mutismo selettivo e bilinguismo

© Copyright 2018 Insegnami a parlare

Lascia un tuo commento