QUALI GIOCHI SCEGLIERE PER AIUTARE A COMUNICARE

Come logopedista, sono costantemente alla ricerca di nuovi giocattoli per “stupire” i miei piccoli pazienti e tenerli impegnati a giocare con me. Quando sono al supermercato, trovo sempre qualcosa!

Ma visto che sono logopedista da 20 anni devo essere sincera: ho molti giocattoli. Un intero garage pieno di giocattoli oltre a quelli che riempiono il mio studio.
Mi sento una specie di “esperta”, e molti genitori mi chiedono: “Cosa rende i tuoi giocattoli molto più divertenti dei cento circa che già possediamo?”

Come vi insegno, è la CONNESSIONE ed il DIVERTIMENTO! La differenza sta nell’interazione senza altre distrazioni.
Ciò di cui i bambini hanno bisogno più di un’intera casa piena di giocattoli è un adulto attento e connesso che si diverte ad interagire.

Prima di spendere un altro centesimo in giocattoli, assicurati di ritagliarti del tempo OGNI GIORNO per giocare con il tuo bambino.

Ci sono poche possibilità che un bambino con ritardi nello sviluppo e nel linguaggio, raggiunga i suoi coetanei senza i genitori che gli dedicano del tempo, anche per stare seduti affianco.

Oltre a questo, ci sono alcune linee guida che i genitori dovrebbero usare quando scelgono i giocattoli. 
La mia prima regola è “Niente campane, fischietti, luci lampeggianti, DVD e ABC!”
I produttori di giocattoli hanno sbagliato tutto. Non stanno utilizzando correttamente la ricerca che abbiamo ora sullo sviluppo del cervello nell’infanzia e durante l’infanzia. Stanno commercializzando il gioco e convincendo i genitori che vogliono comprare ai loro figli tutto il possibile per assicurarsi che siano intelligenti e che vadano bene a scuola. Gli adulti sono spesso indotti a pensare che, poiché un bambino ha bisogno di conoscere le sue lettere e numeri per la scuola materna, è meglio iniziare quando ha 3 mesi.

Meglio ancora, compriamo un giocattolo che lampeggi e lampeggi le lettere, quindi sarà sicuro di prestare attenzione. Anche se le luci lampeggianti di un nuovo giocattolo possono attirare un neonato o un bambino, spesso non c’è valore oltre l’attenzione iniziale. Alcuni bambini sono così assorbiti da comportamenti di ricerca sensoriale con giocattoli luminosi e sonori che perdono il divertimento e i benefici del gioco più tradizionale. 
Tutto quello che vogliono fare è trovare i pulsanti e premere e premere e premere escludendo l’interazione con persone reali o giocattoli più impegnativi. Se tuo figlio rientra in questa categoria ed è già agganciato, lascia che le batterie si scarichino e non sostituirle. 
Ad alcuni genitori non piace sentire questo. 
Dipende tutto da te, ma se vuoi che tuo figlio impari a essere più coinvolto con gli altri, abbandonerei quei tipi di giocattoli (o almeno li metterei sullo scaffale più alto dell’armadio).

Molti genitori pensano ai DVD come momenti di gioco “educativi”. Il far vedere i video è diventata un’industria da 600 milioni di dollari, di cui 100 milioni dalla vendita di DVD per neonati e bambini piccoli. Ricerche all’avanguardia nello sviluppo del cervello ci dicono che il rapido cambiamento degli stimoli visivi può effettivamente collegare il cervello in via di sviluppo di un bambino a “scansionare e spostare”. Un neuroscienziato ha ipotizzato che la visione abituale di televisione e video per neonati e bambini piccoli possa essere la ragione dell’aumento dell’ iperattivita’ infantile nel nostro paese.

Le ricerche pediatriche americane raccomandano un tempo molto limitato di front ad uno schermo per bambini piccoli e persino bambini in età prescolare. La ricerca è davvero impressionante.
Se ti trovi in questa situazione c’e’ sempre tempo per risolverla, e come dice Maya Angelou “Quando ho imparato la verità ho saputo fare di meglio”
Quindi non è troppo tardi per buttare via o ridurre questa abitudine.

Troverai in questi link alcune idee. Divertitevi con le palline fatte di carta da regalo, giocate con le scatole, con i giochi per far finta e partecipate a tutto quello che è comunicazione.
Ecco alcuni video

https://www.youtube.com/c/InsegnamiaparlareDssaAnnaBiavati/videos

Photo on cover by Andrew Seaman on Unsplash

Lascia un tuo commento

Mini corso GRATUITO sui prerequisiti del linguaggio
Inserisci la tua mail per riceverlo direttamente alla tua mail insieme a 3 video gratuiti.
Anna Biavati logopedista
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: